IL DIARIO DI SPONGEBOB ED ALTRE CONSIDERAZIONI

13:45:00

il diario di spongebob ed altre considerazioni fashion's obsessions fashionsobsessions.com zairadurso zaira d'urso i disagi del blogging fashion blog riflessioni sulla vita

Sembra ieri, eppure di anni ne sono passati cinque.
Cinque lunghissimi anni senza poter abbracciare quello che per anni è stato il mio più fidato amico.
Morto, in maniera molto cruda e diretta, perchè il destino ha scelto di raccogliere dal suo giardino, uno dei fiori più belli che avessi visto.
Sapete com'è, di quelle rose dalle foglie sempre piene e con il cuore colmo di amore, generosità e tantissima bontà.
Luca era così.


Un ragazzino dinamico, dolce e solare.
Di quelle persone che ti sostengono sempre, ti aiutano a crescere e si lasciano martoriare felicemente pur di vederti tranquilla e serafica.
Come quella volta che, con quelli che sono stati i miei compagni di avventura per tutta l'infanzia, nemmeno fossimo in Stand By Me, decisi di nasconderti il telefono dentro al vano ascensore di un piano inaccessibile dell'oratorio dove siamo cresciuti.
E tu, per paura che tuo padre potesse chiamare e non trovarti, hai cominciato la tua caccia al cadavere, nascosto nel buco della parete dell'ascensore.
Solo per il gusto cinico e stupido di volerti farti incazzare.
E non sai nemmeno cosa darei per rivivere uno di quei momenti.

il diario di spongebob ed altre considerazioni fashion's obsessions fashionsobsessions.com zairadurso zaira d'urso i disagi del blogging fashion blog riflessioni sulla vita

Ho dimenticato la tua voce, ho scordato tanti piccoli dettagli e l'odore delle risate insieme.
Credevo di non dimenticare nulla di quello che abbiamo vissuto in tutti questi anni di sincera e disinteressata amicizia. Ma non è così.
Le vite di quel piccolo gruppo di ragazzi son cambiate.
Sono sicura che tu sappia tutto e che alla fine, le due ragazzine impacciate ed unitissime, si son lasciate andare e che l'altro compare del gruppo, ha amato entrambe.
Seppur con le dovute diversità.
Io ho continuato a scrivere, come mi hai sempre consigliato tu. 
Tu che hai sempre creduto in me e che ti divertivi sin da quando le mie capacità di scrittura e parola si limitavano al balbettio o quasi, a leggere i miei racconti, le mie storie folli e mi chiedevi di essere il protagonista di una di queste favole raffazzonate, fatte di coriandoli e sale, paure e scoperte ; esperienze immaginarie e strani mostri al terzo piano.
Per gli altri due, non so come stiano e non voglio sapere altro. Non importa.

il diario di spongebob ed altre considerazioni fashion's obsessions fashionsobsessions.com zairadurso zaira d'urso i disagi del blogging fashion blog riflessioni sulla vita


Saprai benissimo che non ho più voluto comprare un diario da quando sei andato via tu.
Ricordi quel pomeriggio di Settembre?
Faceva stranamente molto caldo, io avevo bisogno di un diario e non sapevo cosa scegliere.
Ed ero in crisi, dentro al centro commerciale, tutta intenta a scegliere il mio diario nuovo.
Dal nulla, è arrivato il mio adorato Liuk, e ne ha afferrato uno di Spongebob.
Grande, forse troppo per una ragazza che doveva andare al terzo anno di Classico.
Abbiamo girato per tutto il centro commerciale, io felice con quel diario nuovo e palesemente inappropriato, e tu, con delle barrette di cioccolato in mano.
Ti era presa la fissa di dover festeggiare chissà cosa. 
Adesso so che cosa festeggiavamo. La nostra amicizia.
Non mi importava e non ci è mai importato di essere quelli diversi, la bambina che leggeva troppo e sognava ancora di più e l'amico timido, schivo, sorridente ed allo stesso tempo, sempre al servizio della comunità.
Gli opposti, si attraggono e si scelgono. Si capiscono e si supportano.
E tu, tu mi hai sempre capita.

Dopo una settimana esatta, hai deciso di lasciarmi.
Di lasciare tutte le persone che per te c'erano. Chi ti amava davvero.
Dalla tua famiglia, ai tuoi amici, quelli veri e quelli dell'ultima ora.
Hai lasciato questa terra nel posto che ci ha fatti conoscere, quasi di fronte alla tromba di quelle scale con ascensore dove, qualche anno prima, mi ero divertita a nasconderti il cellulare ed una parte di cuore.
Spero solo, di essere riuscita a portare avanti e mantenere tutte quelle promesse che ci siamo fatti nel tempo.
Di averti reso fiero, felice ed orgoglioso di aver conosciuto la parte più vera, genuina e schietta di me.
Quella che adesso, ho perso strada facendo.
Mi auguro di avere il coraggio di affrontare tutto come hai fatto durante i tuoi giorni, con lo stesso ritmo di parole, risate e balli di gruppo.
E mi impegno a ricordarti, ogni giorno della mia vita, con le mie azioni e ricordando a chiunque incontro ed incontrerò lungo il mio cammino, che la bontà d'animo cambia il mondo e le persone.
Che tutto, come mi hai insegnato tu, può esser curato da un sorriso, una carezza e qualche canzone nostalgica.

Ti voglio bene, semplicemente.
E nonostante tutto, sempre e per sempre, dalla stessa parte, mi troverai.
Col mio diario giallo e blu, le mie scarpe di tela e le ginocchia sbucciate.
Magari nervosa, forse cambiata e cresciuta, ma con lo stesso animo da bambina che tanto adoravi.
Grazie, dalla parte più profonda del mio cuore, per aver donato ad una bambina strana, un amico per la vita.



With love, Zaira
STAY TUNED WITH FASHION'S OBSESSIONS

You Might Also Like

0 commenti